Halt and Catch Fire: al via la seconda stagione!

In the end, it doesn’t matter what design we choose, because it’s what’s inside the machine that’s brilliant”

Joe MacMillian

È la metafora più bella che una serie tv ci abbia regalato negli ultimi anni.

Domenica (31/05) sera debutterà negli USA la seconda stagione della scommessa firmata AMC, Halt and Catch Fire, ambientata nel mondo dell’informatica, con protagonista Lee Pace nel controverso ruolo di Joe MacMillian.

Sono i primi anni Ottanta e Joe è il nuovo ambizioso manager della Cardiff Electric, una piccola ditta texana che si occupa della vendita di software. Individuata una possibilità di crescita per l’azienda, coinvolge l’ingegnere Gordon Clark (Scoot McNairy) e la neolaureata Cameron Howe (Mackenzie Davis) in un’operazione illegale di ingegneria inversa su un pc dell’IBM, finalizzata alla creazione di una nuova macchina che possa renderli competitivi sul mercato.

A discapito di una trama apparentemente poco coinvolgente, Halt and Catch Fire si distingue per essere molto di più di una storia “sui computer”. La serie approfitta di pc e software per parlare di persone, di coraggio, di passione e ovviamente d’amore.

La dedizione e il fuoco che anima i protagonisti, è viscerale e contagioso e lo spettatore si ritrova presto avviluppato nella vicenda a nei rapporti che li coinvolgono.

Joe MacMillian è una delle figure più complesse e intrigati del panorama televisivo contemporaneo, ricco di contraddizioni, appartiene alla categoria di quei personaggi che ami, odiandoli. Uno degli elementi che lo caratterizzano e su cui la serie pone un accento particolare dimostrandosi più che mai innovativa, è la sua articolata dimensione sessuale e affettiva, alla quale si aggiungono nuovi e imprevedibili tasselli con l’avanzare degli episodi.

Halt and Catch Fire, a cui in un primo momento non avemmo dato la possibilità di un vagito, si è rivelata una delle scommesse più riuscite in una stagione televisiva difficile, segnata da grandissimi successi internazionali quali (solo per citare due titoli) True Detective (HBO) e Fargo (FX).

L’AMC aggiunge una tacca alla lunga e gloriosa serie di successi che hanno segnato la sua storia recente, dimostrandosi ancora una volta lungimirante ma soprattutto disposta a rischiare in nome della qualità rispetto agli indici d’ascolto. Con serie come Breaking Bad, Mad Man e l’ancora in corso The walking dead si è indubbiamente guadagnata il titolo di Braveheart delle emittenti americane e l’inossidabile fiducia dei fans in tutto il mondo.

Se anche voi come noi siete in crisi primaverile da hellatus, è il momento di recuperare la prima e di gettarvi a capofitto in questa seconda, attesissima, stagione.

Tweet di Lee Pace a una settimana dalla messa in onda

E se me lo chiedi così…


di Susanna Norbiato

Clicca sulle immagini per accede alla fonte!


Susanna Norbiato

Autore

"In the end, it doesn’t matter what design we choose because it’s what’s inside the machine that’s brilliant" Joe, Halt and Catch Fire