Oscar e fans: quando a comandare siamo un po’ anche noi

In attesa dell’89 edizione degli Oscar, il prossimo 26 febbraio, uno sguardo a 6 film “da fan” che hanno segnato la storia degli Academy Awards (e la nostra)…


Ultimamente vi aggiorniamo poco: non siamo scomparse, stiamo soltanto preparando un mega progetto con cui stupiremo le vostre menti, i vostri cuori e le vostre anime. Ancora poche settimane e torneremo fra voi con grandi novità…

Nel frattempo, però, ci sono cose che non si possono assolutamente tralasciare e una di queste è l’arrivo degli Oscar, a cui quest’anno concorrono anche alcuni film che abbiamo avuto il piacere di vedere in anteprima all’ultima Mostra del Cinema di Venezia.

Non sappiamo ancora se questa edizione degli Oscar sarà l’ultima che per qualche anno ci verrà dato di gustare: abbiamo forti sentori che sarà interamente anti-Trump e considerata la poca… moderazione del Presidente nei confronti di chi la vede diversamente (cit. iconica: “Meryl Streep è sopravvalutata!”) non ci sorprenderemmo se si entrasse in una fase di sospensione del festival simile a quella che ha subìto la nostra Mostra nel periodo fascista.

Esageriamo, ovviamente.

fanheart3 Oscar and Trump

…ma giusto per sicurezza vogliamo mantenere alti gli umori in attesa del 26 febbraio (data delle premiazioni) e in questi giorni ci siamo interrogate su come farlo.

Rimembrare assieme i momenti migliori delle passate edizioni sarebbe stato forse un po’ scontato (e non necessariamente obiettivo, visto che il primo video che avrei sottoposto alla vostra attenzione sarebbe stato questo), ma anche riflettere assieme su che pellicole recuperare di questa edizione sarebbe finito per essere un esercizio banale, perché OVVIAMENTE vi avremmo proposto La La Land e OVVIAMENTE avrei personalmente insistito per Silence… e ascoltatemi quando vi dico di non ascoltare mai i suggerimenti di una persona – come me – per cui The Tree of Life di Malick è nella top five dei film preferiti di sempre.

Detto ciò, di cosa parlare in questi giorni che ci separano dal grande evento? Ripensare agli anni passati ci ha fatto riflettere su ciò che amiamo e improvvisamente abbiamo capito cosa valeva la pena ricordare:

Noi, i fan.

fanheart3 fandom life

 

Oscar Revival: when fans rule the show

(anche conosciuto come “Sono un fan e agli Oscar decido io”)

 

Anni in cui a sbancare gli Oscar di statuette sono stati film bellissimi e impegnati…

fanheart3 The Artist
Oscar 2012: The Artist

Anni in cui a farlo sono stati film di cui ancora rifiuto di riconoscere l’esistenza…

fanheart3 Shakespeare in love anche no
Oscar 1999: Shakespeare in love ruba il premio a vince su La Sottile Linea Rossa e La vita è bella PARLIAMONE

E poi loro… gli anni in cui quel film su cui abbiamo fantasticato per notti, scritto fanfiction, immaginato AU e sequel e rivisto al cinema mille  e mille volte ha avuto la meglio e si è portato a casa se non il premio come miglior film dell’anno, per lo meno numerose candidature.

fanheart3 Oscar ai fan

Ne abbiamo voluti ricordare 6, di questi film. Sei film di cui noi fan siamo parte integrante perché li abbiamo accompagnati e resi immortali più di quanto il pubblico normale, forse, sarebbe mai riuscito a fare. …E grazie all’Academy per aver riconosciuto i nostri sforzi.


VI posto: Oscar 2006 | Brokeback Mountain

Lento, visivamente poetico, emotivamente vibrante, Brokeback Mountain è un film che – per qualità e caratteristiche – non poteva che emergere ad un festival del cinema (Leone d’Oro alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2005) ma che è sorprendentemente diventato un cult fra i fan (o meglio, le fan) di tutto il mondo.

Nessuna pellicola, infatti, è riuscita così efficacemente a parlare di amore gay (in opposizione a “sesso gay”, che al contrario molti film e telefilm sembrano non aver problemi ad affrontare) e soprattutto amore gay fra uomini (perché si sa, le storie che coinvolgono due donne sono, per motivi sappiamo benissimo quali ma faremo finta di niente arcani, molto più ben viste).

Le slasher sono andate a nozze con questo film non solo per l’ovvia qualità ma anche perché per una volta ci troviamo di fronte ad una storia che segue i canoni del “vero” slash, quello della definizione originaria: non personaggi apertamente gay che iniziano una storia fra loro, ma personaggi che, un po’ perché stereotipati, un po’ perchè rientranti in un certo idealtipo di persona, percepiamo inizialmente come eterosessuali, che però iniziano a provare un’attrazione reciproca non voluta e soprattutto problematica: nelle sue conseguenze a livello sociale (l’odio del mondo) e ancor più a livello personale (necessità di rielaborare la propria percezione del sé).

Riconoscimenti:

fanheart3 Brokeback Mountain Oscar


V posto: Oscar 2016 | Mad Max: Fury Road

Esplosivo e folle, questo film è uno dei migliori remake degli ultimi anni, che riesce a riprendere la pellicola originaria – tatuata nel cuore di molti fan, timorosi e speranzosi sui possibili risultati di questa nuova versione – senza lasciare l’amaro in bocca a nessuno; un prodotto che penetra nel cervello e provoca quasi un “effetto wasabi”, che sconvolge e risveglia tutti i sensi. Già da prima dell’uscita si presentava come l’unico prodotto in grado di far fronte alla concorrenza di Avengers: Age of Ultron (x) e le vittorie agli Oscar sono state solo la conferma del successo che i fan avevano già ampiamente preannunciato con il loro entusiasmo.

Riconoscimenti:

fanheart3 Oscar Mad Max Fury Road


IV posto: Oscar 2013 | Les Misérables

Un musical che ha fatto storia su un libro che ha segnato la letteratura, messi in un film che ha avuto il coraggio di osare: Les Mis è infatti il primo musical cinematografico ad essere registrato”dal vivo” e non in playback e ha riportato alla ribalta l’aussie bromance fra Hugh Jackman e Russell Crowe con una ship che attraversa i decenni e i vari media, ovvero quella fra Jean Valjean e Javert. Ma la cosiddetta Valvert è solo l’inizio di un fandom: i fan sono impazziti anche e soprattutto per gli amici dell’ABC, gli sfortunati e coraggiosi ragazzi che tentano la rivoluzione nella Parigi del 1832. Un film che è, ad oggi, fra i 15 fandom più popolari su AO3 nella categoria “movies” (x)… Certo, ancora ci rode (e parecchio) la sua mancata vittoria. Ma visto che Argo (Miglior film per il 2013) ci è piaciuto tanto, possiamo per questa volta perdonare l’Academy. Beh, un po’, almeno.

Riconoscimenti:

fanheart3 Oscar Les Misérables


III posto: Oscar 1998 | Titanic

Chi non c’è stato non capirà mai completamente che cosa ha voluto dire Titanic per il mondo in quel lontano 1997/1998. La qui presente aveva 14 anni all’epoca dell’uscita del film e ricordo come fosse ieri le code che si formavano fuori dalle sale per vederlo, i telegiornali che per la prima volta hanno parlato per giorni e giorni di una pellicola cinematografica, i servizi sulle persone che hanno visto il film decine di volte (e non solo in Australia) e soprattutto come è iniziato il fenomeno Di Caprio. Boom di candidature (ad oggi il film con più nomination, alla pari con Eva Contro Eva e, da quest’anno, La La Land) e inevitabile trionfo agli Oscar.

Riconoscimenti:

fanheart3 Oscar Titanic


II posto: Oscar 1978 | Guerre Stellari

Per molti di noi, l’essere fan è iniziato da lì. Non tutti c’eravamo quando Guerre Stellari ha attraversato le sale, ma in tantissimi l’abbiamo guardato da piccoli ed inevitabilmente ne siamo rimasti stregati. Chi da Luke, chi da Leila, chi di Ian, chi dalla redenzione di Darth Vader che abbiamo scoperto man mano che abbiamo continuato la storia, chi dal potere della Forza. Una saga che ha formato il nostro modo di guardare ai film, ai personaggi e un po’ persino alla realtà. Nel 1978 forse si poteva solo intuire ciò che quel film avrebbe rappresentato, ma il suo (parziale) riconoscimento agli Oscar è stato comunque un buon inizio.

Riconoscimenti:

fanheart3 Oscar Guerre Stellari


I posto: Oscars 2004 | The Lord of the Rings

La trilogia de Il Signore degli Anelli, nel complesso, guadagna in tre anni 30 nomination e 17 statuette. Il Ritorno del Re, terzo e ultimo capitolo della saga, è il primo film nella storia degli Academy Awards a vincere tutti gli Oscar per cui era stato candidato (11).

Sono passati 13 anni da quella data ma ciò che questo film ha rappresentato è qualcosa di unico. Siamo stati fan dei suoi personaggi, fan dei suoi mondi, fan dei suoi interpreti. Abbiamo pianto vedendo ciò di cui eravamo testimoni e pianto quanto abbiamo dovuto dire arrivederci a quella che è stata, letteralmente, un’epoca. L’Academy l’ha riconosciuto e premiato in quella che è ad oggi, forse, l’edizione in cui tutti siamo stati più uniti in un unico “tifare”. Chissà se ci ricapiterà mai di assistere di nuovo a qualcosa del genere.

Riconoscimenti:

fanheart3 Oscar Il Ritorno del Re


Quest’anno non ci aspettano veri e propri film “da fan” nelle categorie maggiori, ma diversi sono presenti in quelle più tecniche, come Doctor Strange e Rogue One in Migliori effetti speciali, di nuovo Rogue One per Miglior sonoro; in Migliori costumi fa presenza il nuovo film ispirato ad Harry Potter, Animali fantastici e dove trovarli e per Miglior trucco e acconciatura ritroviamo invece candidati Star Trek Beyond e Suicide Squad. Tutto il resto è La La Land. Cosa che a chi scrive sta sostanzialmente molto bene perchè, oltre ad adorare il film, lo ritengo un perfetto alternate universe in cui ricollocare Jackson e Holland di The Nice Guys. Cantano bene entrambi e suvvia, chi non vorrebbe vederli ballare il tip tap assieme?

…Più fan di così.


Agnese

Presidente, autrice.

"The only way to be happy is to love. Unless you love, your life will flash by" The Tree of Life, 2011