ATTENZIONE: questo articolo contiene qualche SPOILER minore.

 

“The game is afoot, and we’re going to need a lot of tea.”

–        Madam Vastra, Doctor Who 8×01

“Il gioco è in corso, e avremo bisogno di molto tè.”
–         Madam Vastra, Doctor Who 8×01

 

Il gioco, in effetti, è finalmente iniziato e seguirlo con una tazzona di tè bollente è proprio un buon suggerimento. In parte, per consolarci della straziante dipartita di Eleven, e in parte, per digerire l’arrivo del nuovissimo (oh beh, insomma, magari non proprio d’aspetto) Twelve. E, si sa, il momento di passaggio tra due Dottori è sempre un trauma.

 

Sussurri, bisbigli, mormorii di speranza e disapprovazione hanno popolato la rete in un crescendo di attesa fino alla data cerchiata in rosso nel calendario di ogni degno Whovian: 23 agosto 2014.

 

Capaldi è atterrato. Ed è stato promosso.

 

La prima cosa che si nota si lui è l’espressione. O meglio, più precisamente, le sopracciglia. E che sopracciglia!

[Matt Smith piange in lontananza] “Guarda le sopracciglia!” “Queste sono sopracciglia da attacco! Potresti stappare le bottiglie con queste!”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sì, l’avevamo notato.

 

“They’re independently cross, they probably want to cede from the rest of my face and set up their own independent state of eyebrows.”

– Peter Capaldi, Doctor Who 8×01

“Sono indipendentemente corrucciate, vogliono probabilmente staccarsi dal resto della mia faccia e dichiarare il loro stato indipendente delle sopracciglia”,
– Peter Capaldi, Doctor Who 8×01

 

E i social impazzirono.

Trova le differenze.

 

Peter Capaldi calmo: Peter Capaldi arrabbiato:

Moving on,

 

Ho appena visto #DeepBreath “Stato indipendente delle sopracciglia” e scozzese. Di nuovo! Oddio, sentivo la mancanza di quell’accento scozzese

 

Sì, perché l’altra cosa che si nota del Dottore (e se non siete esperti di cadenze anglosassoni ve lo precisa comunque lui nel corso della puntata), è che il Dottore è scozzese.

Come David Tennant. E John Barrowman. E Karen Gillan. E ovviamente Steven Moffat.

God bless Scotland.

Infatti a differenza del “collega” Tennant, che come Dottore aveva mantenuto spesso uno standard British English accent, Twelve è dichiaratamente scozzese e Moffat ha voluto che facesse libero uso delle sue inflessioni native nella serie.

 

Ma, a parte le sopracciglia e l’accento, come hanno giudicato Capaldi, i Whovians?

 

Non c’è niente di più spassoso di vedere Peter Capaldi in camicia da notte sul tetto che urla “Oi, donnona sexy!”

 

E non dimentichiamo che lo stava dicendo a un dinosauro femmina.

 

Capaldi è un Dottore più vecchio, meno rubacuori (ma non per questo meno affascinante), più dark e, se possibile, ancora più imprevedibile.

E poco amante degli abbracci.

La prossima volta che una persona mi abbraccia farò questo!

 

 

Ha pure un bel caratterino: il susseguirsi di battute con Clara, in una escalation di frecciatine sarcastiche ed egocentriche è stato uno dei momenti più belli della puntata.

E guai a coglierlo in fallo.

Odio avere torto in pubblico. Dimentica che sia mai successo.

 

 

E, a proposito della straordinaria prima puntata, siamo sinceri:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In effetti, se non eravamo rimasti senza fiato dall’arrivo di questo strano, rude Dottore con i suoi ciglioni da combattimento e il suo accento delle Highlands, ci pensa la trama firmata Moffat a lasciarci col fiato sospeso mentre ritorniamo con la mente ai robot di parecchie puntate fa, ricordandoci di Tennant e della bellissima Mme de Pompadour…

 

Ma non c’è stato ovviamente un plauso universale pro Capaldi: tra le molte lodi, qualcuno ha espresso la sua perplessità e, naturalmente il periodo di lutto per Matt Smith è inevitabile:

L’unica ragione per cui vedo il Dr. Who ora è Clara. Mi manca anche Matt Smith…non sento proprio feeling per questo nuovo Dottore

 

 

Ma siamo convinti che Capaldi riuscirà a convincere anche gli “Eleveniani” più incalliti.

Nel frattempo, la maggioranza dei Whovian è con lui:

Guarda, Clara! Tutte queste persone si sentono in colpa per aver dubitato di me, ora!

 

Complimenti anche da Amanda Abbington (Mary in Sherlock):

Beh Doctor Who è stato formidabile, no? Peter Capaldi ti rendo onore e ti adoro. Un glorioso Dottore.

 

E concludiamo con una delle numerose coincidenze (?) che accompagnano Capaldi come Dottore.

Molti di voi sapranno già che a 6 anni il giovane Peter scrisse a un giornale locale dichiarando la sua ferma intenzione a “diventare un attore per aiutare il Dr. Who” e negli anni seguenti tempestò di lettere il fan club e lo staff della serie.

Infine riuscì a comparire nell’episodio “The Fires of Pompeii” (serie 4, episodio 2) come il capofamiglia Lucius Caecilius Iucundus e, ricordiamo, l’eruzione del Vesuvio nella puntata avviene proprio il 23 agosto 79 a.C. Un’altra coincidenza?

Ma forse non tutti sanno che:

Peter Capaldi era in World War Z. Appariva nei credits come WHO Doctor.

 

Inutile dire che sono balzata sulla sedia e sono corsa a controllare sull’IMDB. E difatti:

 

 

 

 

 

 

Coincidenze???

Categorie: AttoriTV & Radio

Elena

Vicepresidente, webmaster, marketing, organizzazione eventi. "Do not go gentle into that good night, Old age should burn and rave at close of day; Rage, rage against the dying of the light." - Dylan Thomas

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Leggi la nostra cookie policy e la nostra informativa sulla privacy e sul trattamento dei dati personali.

Chiudi