Fra meno di un mese avrà inizio Venezia76, che nel 2019 prevede una selezione di titoli assolutamente spettacolare. Vediamoli assieme attraverso estratti dalla conferenza stampa di presentazione.


Esperimento pratico e very psychological: persona A che chiameremo Steve + persona B che chiameremo… non so, qualcosa di comune, come Tony, devono rispondere alla medesima domanda: quanto vorresti vedere questo film su una scala da 1 a 7?

Il film in questione, però, viene descritto in modo diverso a Steve e Tony. Steve riceve due righe di trama ovvero:

Un’unità della polizia di Mosul combatte per liberare la cittadina irachena da migliaia di combattenti dell’ISIS.

Trama del film MOSUL diretto da Matthew Michael Carnahan (Fuori Concorso a Venezia76)

Tony, al contrario, riceve un commento relativamente lungo che suona all’incirca così:

Opera prima di un regista che si è fatto le ossa con la televisione americana. La cosa interessante è che il film è prodotto dai fratelli Russo […]. Un film assolutamente impressionante per il livello di credibilità e realismo della messa in scena che racconta di un gruppo speciale di soldati iracheni in una missione che per lunga parte del film rimane misteriosa. Si scoprirà solo alla fine cosa stanno facendo, dovendo confrontarsi con tutti – nemici e amici che sospettano di loro. Le sequenze di battaglia sono così impressionanti che sembra di essere in mezzo alla battaglia stessa.

Commento al film MOSUL (Fuori Concorso a Venezia76)

A vostro parere chi dei due darà il voto più alto nel rispondere alla domanda?

La risposta è ovvia (Tony)… ma il perchè iniziamo da questo esempio forse un po’ meno.

VENEZIA76 E CONFERENZE STAMPA

Ogni anno, in occasione dell’annuncio dei film presenti alla Mostra del Cinema di Venezia, lo staff di fanheart3 (e in particolare la nostra Cristina, che è ormai il motore pulsante di questa specifica attività) si attiva per ricercare tutte le trame dei film che saranno presenti al Lido già prima che la Biennale stessa le condivida ufficialmente sulla propria pagina. Questo per capire con un po’ di anticipo cosa ci aspetta.

Molte trame promettono già bene sulla carta. Altre sono assolutamente improponibili. Altre incuriosiscono ma poi… (eh, per il “ma poi” dovreste assistere a certe scene al Lido. Ricordiamo ancora ad oggi l’esperienza di Life Guidance).

Qualcosa che negli ultimi due anni abbiamo dunque trovato molto utile sono i commenti con cui il direttore della Mostra Alberto Barbera accompagna i vari annunci dei film in programma, che aiutano a chiarirsi le idee su quello che ci aspetta e anche a partire un attimo preparati di fronte a certi contenuti.

Per questa Venezia76 abbiamo dunque deciso di condividere con chi fra voi non è riuscito a seguire la diretta della conferenza e con chi vuole tenere a mente le parti salienti ma non ha tempo di rivedere l’intero video (che potete comunque trovare a questo link su Facebook) un riepilogo di quanto emerso. Le trascrizioni sono riportate in forma integrale o quasi e i vari link presenti negli articoli rimandano alle pagine IMDB o ad altri siti di alcuni attori o registi principali.

Cliccate qui per scoprire i film in concorso

Cliccate qui per conoscere i film fuori concorso (solo fiction)


FILM IN CONCORSO

fanheart3 venezia76 la vérité

Regia: Kore’eda Hirokazu

Attori principali: Juliette Binoche, Catherine Deneuve, Ludivine Sagnier, Ethan Hawke

Trama: La pubblicazione dell’autobiografia di Fabienne, diva del cinema francese, porta alla “resa dei conti” tra lei e la figlia.

Il primo film che realizza fuori dal Giappone, in Francia, con due star del cinema francese. Vi lascio scoprire il film all’apertura di Venezia.


fanheart3 venezia76 the perfect candidate

Regia: Haifaa Al Mansour

Attori principali: Mila Alzahrani, Nourah Al Awad, Khalid Abdulrhim

Trama: Una giovane dottoressa decide di andare contro la società conservatrice e maschilista del suo paese candidandosi alle elezioni del consiglio comunale. (Fonte: MyMovies)

E’ il ritorno di Haifaa Al Monsour a Venezia; lo scoprimmo con La Bicicletta Verde che fu un successo planetario. Dopo una parentesi in Inghilterra, torna nel suo paese ad affrontare un film dedicato alla condizione femminile nel suo paese. Questa volta è la storia di una donna che per reagire ad una condizione di sudditanza rispetto al marito e al padre decide di candidarsi per il ruolo di sindaco nel suo paese.


fanheart3 venezia76  om det oandliga

Regia: Roy Andersson

Attori principali: Jane-Ege Ferling, Martin Serner, Bengt Bergius, Tatiana Delaunay, Anders Hellström, Thore Flygel

Trama: Alcune scene che catturano momenti di vita di vari personaggi (da Adolf Hitler e un prete), raccontando la storia dell’umanità e invitando gli spettatori a riflettere sulla preziosità e la bellezza della nostra esistenza.

Anche questo è un ritorno. Roy Andersson ha vinto il Leone D’Oro a Venezia. Questo è il suo ultimo film appena completato, breve, brevissimo, dura poco più di 80 minuti. L’endlessness di cui si parla è la perpetuità… del malessere, della malinconia, dell’insensatezza dell’esistenza. Tutto questo raccontato con l’ironia sottilissima a cui Andersson ci ha abituato. Un graditissimo ritorno in un film molto atteso.


fanheart3 venezia76 wasp network

Regia: Olivier Assayas

Attori principali: Penélope Cruz, Ana de Armas, Edgar Ramírez, Wagner Moura, Gael García Bernal, Leonardo Sbaraglia

Trama: La storia di un gruppo di spie cubane attive nel territorio americano durante gli Anni Novanta.

Avevo rimosso completamente il ricordo di questo Wasp Network. Un network di agenti del governo castrista cubano infiltrati nella società americana e soprattutto infiltrati nei gruppi di espatriati cubani che stavano progettando azioni contro Cuba, arrivando persino ad organizzare alcuni attentati che fecero una vittima – tra l’altro una di queste vittime era proprio un turista italiano. Assayas ricostruisce minuziosamente quell’intera stagione durata più di dieci anni, la storia di questo gruppo di infiltrati sotto copertura, per cercare di combattere e prevenire le azioni anticubane degli anticastristi.


fanheart3 venezia76  marriage story

Regia: Noah Baumbach

Attori principali: Scarlett Johansson, Adam Driver, Laura Dern, Alan Alda, Ray Liotta, Julie Hagerty

Trama: Un regista teatrale e la moglie attrice lottano attraverso un estenuante divorzio da costa a costa che li spinge ai loro estremi personali e creativi (Fonte: IMDB)

Film largamente autobiografico. La storia di come un matrimonio e l’amore finiscono diventando una sorta di incubo giudiziario ed esistenziale quando i due genitori decidono di separarsi perché ciascuno dei due intende perseguire la propria carriera di successo senza dover sottostare a vincoli matrimoniali.


fanheart3 venezia76 guest of honour

Regia: Atom Egoyan

Attori principali: David Thewlis, Laysla De Oliveira, Luke Wilson, Rossif Sutherland

Trama: La giovane insegnante Veronica è accusata di molestie su uno studente minorenne e incarcerata. Il padre, appurata la sua innocenza, farà di tutto per farla rilasciare, ma incontrerà le resistenze proprio della figlia, convinta di meritare quella punizione per qualcosa di commesso anni prima.

Clip: Youtube

Egoyan ha avuto una parentesi non felice hollywoodiana e ora è tornato a lavorare nel suo paese. Questo è forse il ritorno di Atom Egoyan ai suoi temi più congeniali: il senso di colpa, difficoltà rapporti genitori figli… c’è un grandissimo David Thewlis che fa un mestiere stranissimo che al cinema non si vede mai: l’ispettore sanitario che va a controllare la pulizia nei locali pubblici e nei ristoranti. Ed è… uno degli elementi di curiosità di questo film.


fanheart3 venezia76 ad astra

Regia: James Gray

Attori principali: Brad Pitt, Tommy Lee Jones, Ruth Negga, Liv Tyler, Donald Sutherland

Trama: Il cosmonauta Roy McBride si spinge fino ai bordi esterni del sistema solare per ritrovare il padre scomparso e svelare un mistero che minaccia il genere umano. Il suo viaggio lo porterà a scoperte che mettono in dubbio la natura umana e il nostro ruolo nell’universo. (Fonte: Wikipedia)

Trailer: Youtube

Uno dei film più attesi, se ne parla da mesi, forse da anni. La prima volta che James Gray lavora con una major hollywoodiana. Il film fu iniziato dalla Fox che adesso come sapete è stata acquisita da Disney. La prima volta che James Gray si confronta con un cinema di genere, con la fantascienza. Brad Pitt è un astronauta in un futuro distopico mandato in missione agli estremi confini del sistema solare, alla ricerca di una missione che si è perduta, si è smarrita, guidata da suo padre anni prima. Un viaggio alla ricerca del padre, alla ricerca di se stesso, con un grande cast.


fanheart3 venezia76 gloria mundi

Regia: Robert Guédiguian

Attori principali: Ariane Ascaride, Jean-Pierre Darroussin, Gérard Meylan, Anaïs Demoustier, Robinson Stévenin, Lola Naymark

Trama: Dopo aver scontato una lunga condanna, Daniel esce di prigione e torna a Marsiglia. Il tempo è passato e molte cose sono cambiate: andando a conoscere la nipotina appena nata, scopre una famiglia che lotta per restare in piedi. Quando un colpo del destino spezza questo fragile equilibrio Daniel farà di tutto per aiutarla.

Trovate tutti gli elementi del cinema di Guédiguian e tutti i soliti attori di Guédiguian. Non dobbiamo stupirci. Con un di più rispetto ai film precedenti di amarezza, di dolore, forse anche di assenza di speranza, nel contesto della società francese contemporanea e quindi… anche questo, vedrete e giudicherete voi.


fanheart3 venezia76 waiting for the barbarians

Regia: Ciro Guerra

Attori principali: Mark Rylance, Johnny Depp, Robert Pattinson, Gana Bayarsaikhan, Greta Scacchi

Trama: Il Magistrato, amministratore di un isolato insediamento di frontiera al confine di un impero senza nome, è in attesa di andare in pensione con l’arrivo del Colonnello Joll, il cui compito è di riferire sulle attività dei “barbari” e sulla situazione di sicurezza al confine. Ma il trattamento dei “barbari” per mano del Colonnello e la tortura di una giovane donna “barbara” portano il Magistrato a una crisi di coscienza e a un atto di ribellione.(Fonte: MyMovies)

Ciro Guerra, ma anche il nome che sta dietro a questa operazione, Michael Fitzgerald. Quindici anni che lavora a trasferire sullo schermo questo breve racconto di Michael Coetzee. Un racconto allegorico. Un magistrato che governa con saggezza un avamposto della frontiera fra Impero e i Barbari in un paese non identificato. Siamo dalle parti del Deserto dei Tartari. Tutto va bene finché non giunge il comandante della polizia sul posto, con l’idea di mettere a posto le cose e soprattutto con l’idea di sconfiggere questi supposti barbari che dovrebbero minacciare l’integrità dell’impero. […] Mark Rylance: straordinario protagonista, tutto il film regge sulle sue spalle.


fanheart3 venezia76 ema

Regia: Pablo Larraín

Attori principali: Mariana Di Girolamo, Gael García Bernal

Trama: Dopo un’adozione non andata a buon fine, una coppia di ballerini e coreografi attraversa una fortissima crisi personale i cui sentimenti verranno espressi attraverso la musica e la danza (Fonte: Movieplayer).

Un altro ritratto femminile dopo Jackie, un altro dei tanti ritratti femminili di questa mostra. Una donna incendiaria – e non uso a caso questo aggettivo anche se non vi dico perché, lo scoprirete vedendo il film. Il film è incendiario sotto molti sensi, reali e metaforici. Una giovanissima attrice, Mariana Di Girolamo, scoperta da Pablo Larraín: una rivelazione assoluta che interpreta un personaggio femminile agli estremi. Larraín stressa non soltanto i suoi personaggi ma anche il linguaggio cinematografico, attingendo ad un livello di elaborazione narrativa molto interessante, più di quanto abbia fatto finora.


fanheart3 venezia76 lan xin da ju juan

Regia: Ye Lou

Attori principali: Gong Li, Mark Chao, Joe Odagiri, Pascal Greggory, Tom Wlaschiha, Huang Xiangli

Trama: Nel 1941, un’attrice cinese ritorna nella Shangai occupata dai giapponesi, apparentemente per recitare in una commedia. Le sue vere intenzioni tuttavia si fanno chiare quando viene a conoscenza dell’imminente attacco di Pearl Harbor e lotta per distinguere l’amico dal nemico sotto copertura.

Lou Ye è un grande autore del cinema cinese della generazione degli anni novanta. E’ stato in concorso più volte a Cannes, a Berlino, ma prima volta che viene a Venezia. Segna il grande ritorno di Gong Li in un ruolo “bigger then life”. Un film in bianco e nero ambientato nel 1941 a Shangai. Dramma sentimentale e spionistico. Gong Li è un’attrice, una spia, un’amante che cerca di salvare il proprio innamorato, una che fa il doppio gioco… un film dove i colpi di scena non mancano assolutamente.


fanheart3 venezia76 martin eden

Regia: Pietro Marcello

Attori principali: Luca Marinelli, Jessica Cressy, Denise Sardisco, Vincenzo Nemolato, Marco Leonardi, Autilia Ranieri

Trama: Nella Napoli dei primi anni del XX secolo, il giovane marinaio Martin Eden, proletario individualista in un’epoca squarciata dalla nascita di movimenti politici di massa, sogna di diventare uno scrittore e conquista l’amore di una giovane borghese grazie al suo bagaglio culturale da autodidatta, ma sente di star tradendo le proprie origini.(Fonte: Wikipedia)

Trailer: Youtube

Martin Eden è un film di cui si parla, si vocifera, che pochissimi hanno ancora visto. Un film rischiosissimo sulla carta, ambiziosissimo, perché è la trasposizione di un capolavoro letterario, Martin Eden, che tutti immagini conoscete. Pietro Marcello reinventa letteralmente il libro, lo trasferisce in Italia, gioca con la cronologia, spazia dal 1910 fino al 1980, fino ai giorni nostri all’interno della storia del nostro paese. Si cambia, si confonde la cronologia all’interno della stessa sequenza. È un film però, lasciatemi dire, un film assolutamente all’altezza delle sue ambizioni.


fanheart3 venezia76 la mafia non è più

Regia: Franco Maresco

Attori principali: Letizia Battaglia, Ciccio Mira

Trama: La Mafia non è più quella di una Volta, il film documentario diretto da Franco Maresco, è un viaggio dentro la mafia e l’antimafia nella Palermo di oggi.

Un nuovo capitolo di quell’indagine antropologica sulla Sicilia, su Palermo e cosa vuol dire essere Palermitani oggi. Con due estremi: da una parte Patrizia Battaglia, la grande fotografa che tutti conoscete, che ha fotografato gli omicidi di mafia, la società palermitana, le sue contraddizioni. E dall’altra Ciccio Mira, un personaggio che abbiamo imparato a conoscere nel film precedente di Franco Maresco, Belluscone, che era ad Orizzonti due anni fa e vinse anche un premio, che è invece è un imprenditore che organizza concerti – legali e illegali, come dice lui stesso – di cantanti neomelodici, forse vicino alla mafia, ai mafiosi… C’è tutto Maresco al meglio. Il suo cinismo, la sua capacità di provocare, la sua disperazione, la sua visione disincantata ed estrema, più pessimistica del solito, ma è un film in cui si ride tantissimo, perché l’assurdità, la capacità di lavorare sul grottesco, sull’insito nella realtà di questo personaggio della società palermitana qui è assolutamente al meglio.


fanheart3 venezia76 the painted bird

Regia: Václav Marhoul

Attori principali: Petr Kotlár, Udo Kier, Lech Dyblik, Jitka Čvančarová, Stellan Skarsgård, Harvey Keitel, Julian Sands

Trama: Un giovane ragazzo ebreo da qualche parte in Europa orientale cerca rifugio durante la seconda guerra mondiale dove incontra molti personaggi diversi (Fonte: MyMovies)

Trailer: CineEuropa

Un altro oggetto strano e inclassificabile. Dal punto di vista narrativo è un film abbastanza classico. È un film di un autore che non si conosce, Václav Marhoul, che ha fatto alcune esperienze in televisione e che lavora a questo film da dieci anni. Un film autoprodotto; è riuscito non si sa come a mettere insieme un cast incredibile, non essendo nessuno. Un film di tre ore, tratto da un romanzo dello stesso autore di Oltre il Giardino… un romanzo degli anni 80 che fece scalpore, anche un po’ di polemica all’epoca. La storia di un ragazzino che i genitori all’inizio della seconda guerra mondiale spediscono in campagna dalla nonna – genitori ebrei – per cercare di salvarlo dalla persecuzione antiebraica e che attraversa tutta la guerra… come dire… è una sorta di discesa agli inferi delle infinite possibilità e combinazioni della crudeltà, della malvagità umana. Un film anche a volte molto violento, ma che a me è sembrato un esordio – di fatto una sorta di esordio fatto da un autore non più giovane – per molti versi straordinario.


fanheart3 venezia76 rione sanità

Regia: Mario Martone

Attori principali: Francesco Di Leva, Massimiliano Gallo, Roberto De Francesco, Adriano Pantaleo, Daniela Ioia, Giuseppe Gaudino

Trama: Antonio Barracano, “uomo d’onore” è “Il Sindaco” del rione Sanità. Con la sua carismatica influenza e l’aiuto dell’amico medico amministra la giustizia secondo suoi personali criteri. Quando gli si presenta disperato il figlio del fornaio, deciso a uccidere il padre, Il Sindaco decide di intervenire per riconciliare padre e figlio e salvarli entrambi.

Trailer: Youtube

Sapete che Martone due anni fa ha portato in giro per l’Italia una versione contemporanea del primo testo teatrale di Edoardo De Filippo. Questo lavoro di ammodernamento del testo è alla base di questa versione cinematografica, che non è la ripresa dello spettacolo teatrale, ma è un film a tutti gli effetti, creato con gran parte degli attori utilizzati già a teatro, ma rinunciando alla rigidità del teatro per utilizzare invece tutte le potenzialità del linguaggio cinematografico, con un risultato davvero notevole.


fanheart3 venezia76 babyteeth

Regia: Shannon Murphy

Attori principali: Eliza Scanlen, Toby Wallace, Essie Davis, Ben Mendelsohn

Trama: Quando l’adolescente gravemente ammalata Milla si innamora follemente del piccolo spacciatore Moses, si avvera il peggior incubo dei suoi genitori. Ma l’amore porta alla ragazza una nuova brama di vita che le fanno mettere in discussione le convenzioni tradizionali.

Ogni anno scommettiamo su un’opera prima. Questa viene dall’Australia, lei si chiama Shannon Murphy. Vi confesso: io non sopporto i film sulla malattia, e ogni anno ne arrivano di più, di malati terminali, di malattie impossibili che uno vorrebbe neanche pensare che possano esistere. E questo è l’unico film sulla malattia che mi ha non soltanto commosso emotivamente, ma mi ha fatto ridere e sorridere. Non vi dico di più perché è un film da scoprire. Insomma, noi ci crediamo.


fanheart3 venezia76 joker

Regia: Todd Phillips

Attori principali: Joaquin Phoenix, Robert De Niro

Trama: Nel 1981 a Gotham City, Arthur Fleck, un cabarettista fallito ed emarginato dalla società, si trasforma lentamente in un criminale che semina il caos indossando degli abiti da clown. (Fonte: Wikipedia)

Trailer: Youtube

Qualcuno avrà visto il trailer… cosa vi devo dire… è un film talmente inaspettato che è bene non dire niente. L’unica cosa che posso dire è che sono felice che abbiano accettato di venire in concorso. È rarissimo che una major hollywoodiana accetti la competizione, soprattutto la Warner. Todd Phillips ci teneva tantissimo, giustamente. Sulla carta è lo spinoff della serie dei film di Batman, è il prequel di The Dark Knight, ma è ancora più dark di quanto non fosse il film originario… ma non è solo quella cosa lì. E’ un grande film sulle contraddizioni delle metropoli contemporanee, delle grandi città, con un Joaquin Phoenix al meglio delle sue possibilità e un Robert De Niro di una bravura impressionante.


fanheart3 venezia76 j'accuse

Regia: Roman Polanski

Attori principali: Jean Dujardin, Louis Garrel, Emmanuelle Seigner, Grégory Gadebois

Trama: Gennaio del 1895 – Georges Picquart, un ufficiale dell’esercito francese, presenzia alla pubblica condanna inflitta ad Alfred Dreyfus, un capitano ebreo accusato di essere stato un informatore dei nemici tedeschi. Picquart guadagna la promozione a capo della stessa unità del controspionaggio militare che aveva montato le accuse contro Dreyfus, ed è allora che si accorge che il passaggio di informazioni al nemico non si è ancora arrestato. E se Dreyfus fosse stato condannato ingiustamente? Picquart è ormai determinato a scoprire la verità. L’ufficiale e la spia, adesso uniti e pronti ad ogni sacrificio pur di difendere il proprio onore.

Un film di cui si parla giustamente da tempo. È la ricostruzione meticolosa, precisissima, accurata, fatta a partire dai documenti dell’epoca, dalle trascrizioni stenografiche dei vari processi che si sono succeduti nel corso del tempo a carico di Dreyfus, con un cast straordinario, un Jean Dujardin di una bravura raggelante. Ogni tanto vale la pena scoprirsi e questo è un Roman Polanski di quelli grandi. Lui è uno degli ultimi grandi maestri del cinema europeo, ha più di 80 anni e alla sua età riesce a fare un film che è al tempo stesso uno straordinario documento – ricostruzione documentaria di un evento che ha segnato la società francese e il passaggio fra il diciannovesimo e il ventesimo secolo – e un grande film in cui ovviamente Polanski mette qualcosa di se stesso, della propria esperienza, e soprattutto mette tutta la sua straordinaria maestria di grande regista a servizio di una storia agghiacciante. Confesso che come moltissimi di voi ricordavo per sommi capi la vicenda Dreyfuss e vederla raccontata nei particolari nell’arco del suo sviluppo quasi decennale è una cosa… senza contare ovviamente che è ricchissimo di riferimenti e rimandi alla contemporaneità che ne fa un grande film irrinunciabile.


fanheart3 venezia76 the laundromat

Regia  Steven Soderbergh

Attori principali:  Meryl Streep, Gary Oldman, Antonio Banderas, Jeffrey Wright, Matthias Schoenaerts, James Cromwell, Sharon Stone / Usa / 95’

Trama: Il film segue le vicende di un gruppo di giornalisti che, analizzando 11,5 milioni di file, collegano le figure politiche più potenti del mondo a conti bancari segreti per evitare le tasse. Sarà ricordata come la storia dei Panama Papers. (Fonte: MyMovies)

Qui siamo all’opposto. Ancora un film di quel terzo filone di cui volevo parlarvi all’inizio: film che ricostruiscono fatti storici, eventi del passato più o meno recente, più o meno lontani. Soderbergh ci racconta cosa sono stati i Panama Papers, che hanno fatto la cronaca qualche anno fa e di cui poi si sono tutti dimenticati. Lui ce lo racconta in maniera estremamente divertente, chiarissima, per farci capire non solo cosa sono stati, ma di come non siano altro che la punta di un iceberg e il modello di quella grande truffa che è la finanza contemporanea di cui tutti noi quotidianamente subiamo le conseguenze. Lo fa con grande libertà, con un grande cast, con Antonio Banderas e Gary Oldman che interpretano i due truffatori all’origine dei Panama Papers, che ci raccontano come funziona quel meccanismo perverso e pazzesco che abbiamo inventato per truffare mezzo mondo. Con Meryl Streep che giganteggia in più ruoli – non vi dico quanti – del film, sotto mentite spoglie, con tanti altri camei, un film divertentissimo ma che poi alla fine lascia un po’ con l’amaro in bocca.


fanheart3 venezia76 a herdade

Regia: Tiago Guedes

Attori principali: Albano Jerónimo, Sandra Faleiro, Miguel Borges, Ana Vilela da Costa, João Vicente, João Pedro Mamede

Trama: La cronaca di una famiglia portoghese che possiede una delle più grandi tenute in Europa, sulla riva sud del fiume Tago. Si approfondiscono i segreti della loro fattoria, descrivendo la vita storica, politica, economica e sociale del Portogallo, dagli anni ’40 ad oggi. (Fonte: MyMovies)

Trailer: Youtube

Un film portoghese prodotto da Paolo Branco. Uno dei pochi film portoghesi capaci di uscire dal proprio paese. Un film di grande respiro epico. La storia di una famiglia patriarcale che possiede il più grande appezzamento di terra sulle rive del fiume Tiago sullo sfondo della storia del Portogallo dagli anni 40 ad oggi. Se questo vi ricorda un grande film italiano di un maestro scomparso proprio quest’anno siete vicini alla verità. Siamo dalle parti di Novecento, un Novecento portoghese, con meno mezzi produttivi di quelli che ha avuto Bernardo ma sicuramente con le stesse ambizioni.


fanheart3 venezia76 ji uuan tai qi hao

Regia: Yonfan

Attori principali (voci): Sylvia Chang, Zhao Wei, Alex Lam, Kelly Yao (animazione)

Trama: (film di animazione) Uno studente di letteratura inglese che vive negli anni 60 ad Hong Kong si ritrova coinvolto in un triangolo amoroso con la donna a cui sta insegnando e sua madre. (Fonte: MyMovies)

Trailer: Youtube

Un artista di origine taiwanese che abita per gran parte dell’anno ad Hong Kong e che è stato più volte a Venezia ed ospite di festival internazionali. Questo è il suo primo film di animazione: ha impiegato cinque anni per portare a compimento questo lavoro. Estremamente sofisticato dal punto di vista narrativo e dal punto di vista visivo. Siamo ad un’animazione per adulti, non è un film per bambini. Un film ambientato nel 1967 ad Hong Kong, una storia che è insieme una storia sentimentale ed erotica: un giovane studente che si innamora della madre, della figlia – della bellissima figlia – sullo sfondo delle vicende politiche e dei turbamenti politici di quegli anni. Nessuno se lo ricorderà, io stesso non me lo ricordavo, ma ci furono violente manifestazioni di piazza nel 1967 represse dalla polizia, un eco di quello che sta succedendo oggi da Hong Kong; i doppiatori delle voci di questi personaggi sono alcune delle più grandi star del cinema cinese e saranno tutti presenti alla Mostra del Cinema.


FILM FUORI CONCORSO

fanheart3 venezia76 seberg

 Regia: Benedict Andrews

Attori principali: Kristen Stewart, Jack O’Connell, Anthony Mackie, Vince Vaughn

Trama: Ad un giovane e ambiguo agente dell’FBI viene affidato l’incarico di tenere sotto control l’iconica attrice Jean Seberg, quando questa si ritrova coinvolta nel tumultuoso movimento per i diritti civili nella Los Angeles dei tardi anni 60. (Fonte: IMDB)

Un episodio drammatico della vita di Seberg. Dopo il successo europeo torna negli Stati Uniti, si avvicina per curiosità e ragioni sentimentali alle Black Panther di Los Angeles e a quel punto viene messa sotto sorveglianza e sotto pressione dall’FBI che la considera una pericolosa terrorista, con tutte le conseguenze che forse qualcuno ricorderà e che la cronaca dell’epoca ha ampiamente riportato.


fanheart3 venezia76 vivere

Regia: Francesca Archibugi

Attori principali: Micaela Ramazzotti, Adriano Giannini, Massimo Ghini, Marcello Fonte, Roisin O’Donovan, Andrea Calligari

Trama: Luca (Adriano Giannini), giornalista free-lance molto free, confezionatore di articoli di colore che piazza a stento sui giornali, Susi (Micaela Ramazzotti), ballerina piegata a insegnare danza a signore sovrappeso, e Lucilla, la bimba seienne quieta e immaginifica ma affetta da asma bronchiale severa.

Un grande cast per un film che uscirà a fine settembre e quindi l’abbiamo in anteprima a Venezia.


fanheart3 venezia76 mosul

Regia: Matthew Michael Carnahan

Attori principali: Hayat Kamille, Thaer Al-Shayei, Waleed Elgadi, Anouar H. Smaine, Ben Affan.

Trama: Un’unità della polizia di Mosul combatte per liberare la cittadina irachena da migliaia di combattenti dell’ISIS. (Fonte: IMDB)

Opera prima di un regista che si è fatto le ossa con la televisione americana, con le serie televisive, con i film televisivi. La cosa interessante è che il film è prodotto dai fratelli Russo, che qualcuno ricorderà perché hanno iniziato da Slam Dance alcuni anni fa e poi sono passati a dirigere e a produrre la serie degli Avengers e hanno una cosa di produzione con cui hanno realizzato questo film su Mosul. Un film di guerra, che racconta una storia vera di cui avevano letto il resoconto sul New York Times e che li aveva colpiti. Un film assolutamente impressionante per il livello di credibilità e realismo della messa in scena. Racconta di un gruppo speciale di soldati iracheni in una missione che per lunga parte del film rimane misteriosa; si scoprirà solo alla fine cosa stanno facendo, dovendo confrontarsi con tutti – nemici, amici che sospettano di loro. Le sequenze di battaglia sono così impressionanti che sembra di essere in mezzo alla battaglia stessa. Un film di rilevante interesse.


fanheart3 venezia76 adults in the room

 Regia: Costa Gavras

Attori principali: Christos Loulis, Alexandros Bourdoumis, Ulrich Tukur, Daan Schuurmans, Josiane Pinson, Aurelien Recoing

Trama: Il 2015 è stato economicamente e politicamente un anno difficile per la Grecia e per il ministro Varoufakis.

Il film che Costa Gavras, ispirandosi al libro di Varoufakis – ma soprattutto alla trascrizione e alle registrazioni che Varoufakis realizzò di nascosto durante le incredibili sessioni di trattativa tra il governo greco e l’eurozona che ricorderete si concluse con le dimissioni di Vaoufakis e con la firma.. E’ un film di ricostruzione meticolossissima su documenti autentici trascritti dalle registrazioni di quelle incredibili riunioni… agghiacciante. Lo vedrete. Ne vale veramente la pena.


fanheart3 venezia76 the king

 Regia: David Michôd

Attori principali: Timothée Chalamet, Joel Edgerton, Sean Harris, Tom Glynn-Carney, Lily-Rose Depp, Thomasin McKenzie, Robert Pattinson, Ben Mendelsohn

Trama: The King vede come protagonista il principe ribelle Hal interpretato da Timothée Chalamet. Salito al trono dopo la morte del padre, il giovane regnante dovrà assumersi le responsabilità della corona, tra cui le guerre e le insidie interne al palazzo. (Fonte: ComingSoon)

Regista teatrale. Un film su Enrico V, protagonista di un dramma shakespeariano e del Falstaff di Orson Welles. Anche qui naturalmente c’è Falstaff, ma c’è soprattutto la storia di questo Enrico V che divenne re di Inghilterra nel 1413 e della prima sua realizzazione che fu la sconfitta dei francesi nella famosa battaglia di Agincourt che diede inizio ad un periodo di regno breve, ma ricordato come una delle cose più importanti di quel periodo e della storia di Inghilterra. Il film è prodotto fra l’altro da Brad Pitt.


fanheart3 venezia76 tutto il mio folle amore

 Regia: Gabriele Salvatores

Attori principali: Claudio Santamaria, Valeria Golino, Diego Abatantuono, Giulio Pranno

Trama: Andrea e Franco Antonello sono padre e figlio. Il figlio è un adolescente affetto da autismo, ha tanta voglia di vivere e non vuole trascorrere il tempo sotto una campana di vetro. Il padre decide così di partire insieme a lui per 3 mesi: un viaggio in moto on the road tra paesaggi bellissimi, tra Stati Uniti e Sud America. (Fonte: MyMovies)

Tratto da un romanzo di grande successo, padre in viaggio con il figlio autistico per tre mesi negli Stati Uniti e in Sudamerica, un grande successo editoriale. Salvatores modifica molte cose rispetto all’originale, ma mantiene lo spirito di fondo e lo scopriremo in anteprima, il film uscirà nel corso del mese di settembre.

fanheart3 venezia76 the burnt orange heresy

Regia: Giuseppe Capotondi

Attori principali: Claes Bang, Elizabeth Debicki, Donald Sutherland e Mick Jagger

Trama: Il carismatico critico d’arte James Figueras (Claes Bang) seduce l’affascinante turista  Berenice Hollis (Elizabeth Debicki). I due nuovi innamorati raggiungono la lussuosa proprietà sul Lago di Como del potente collezionista d’arte Cassidy (Mick Jagger). Questi rivela di essere il mecenate dello schivo Jerome Debney (Donald Sutherland), una sorta di J.D. Salinger del mondo dell’arte, e avanza ai due una strana richiesta: rubare a qualsiasi costo uno dei capolavori di Debney dallo studio dell’artista. Ma appena la coppia inizia a conoscere il leggendario Debney, comprende che nulla di quel personaggio e della loro missione è ciò che sembra. (Fonte: La Biennale) .

n/a

Categorie: Eventi

Agnese

Presidente, autrice. "The only way to be happy is to love. Unless you love, your life will flash by" The Tree of Life, 2011

1 commento

Venezia76: appunti "di regia" sui film in concorso e fuori concorso - Agnese Pietrobon · 2 Agosto 2019 alle 11:29

[…] Venezia76: informazioni utili sui film in concorso e fuori concorso […]

I commenti sono chiusi.