I Golden Globes si chiudono con la conferma di La La Land ad uno dei migliori film dell’anno. Ma molto altro è successo nel corso della serata. Un riassunto in 10 spunti per chi non ha potuto godersela.


Si ricomincia alla grande con questo 2017. Il 2016 aveva consacrato finalmente la tanto agognata vittoria di Leonardo Di Caprio sia ai Golden Globes che agli Oscars. Un inizio sorprendente… ma poi sappiamo come è andato il resto dell’anno. E visto che qui a fanheart iniziamo a pensare che i due fatti (2016 / Vittoria di Di Caprio) possano essere in qualche modo concatenati, non possiamo che essere lieti che questo 2017 apra i lavori con un tono completamente diverso. Non allegro (c’è sempre la quarta stagione di Sherlock a controbilanciare l’esperienza) ma sicuramente più… colorato.

fanheart3 Golden Globes

Golden Globes 2017: 10 cose da ricordare

I Golden Globes sono, ogni gennaio, il primo grande momento dell’esperienza cinematografica che ci accompagnerà nei 12 mesi successivi.  Un reminder di quanto è stato e di quanto dobbiamo recuperare, nell’attesa delle conferme definitive degli Academy Awards.

Quest’anno le possibilità di assistere alle premiazioni in diretta sono state molto scarse (Sky è stata la salvezza di molti); perciò, per chi questa volta non sia riuscito a gustarseli dal vivo, abbiamo preparato una scaletta in dieci punti di alcune delle cose da ricordare di questa 74esima edizione. Ad iniziare… dal grandioso inizio.


Il numero di apertura di Jimmy Fallon

Un perfetto mix di citazioni, guest star fenomenali e slash. Ebbene sì. C’è anche il plot twist slash. Cosa volevate di più da quest’uomo meraviglioso?


Venezia rules them all

fanheart3 Golden Globes La La Land

Emma Stone (La La Land): red carpet di Venezia 73 e dei Golden Globes

Standing ovation per Alberto Barbera e la Biennale di Venezia che ancora una volta propongono per l’apertura del loro festival il film che poi sbancherà di premi tutti gli altri. Il successo di La La Land in tutte le categorie per cui è stato nominato nonchè la vittoria di Aaron Taylor Johnson per Nocturnal Animals, apprezzato da fanheart al punto da assegnargli il Momoa D’Oro per Miglior Attore da Fan a Venezia 73, ci riempiono di orgoglio e di soddisfazione. NOI sapevamo. E ormai, per la nostra gioia, tutti faranno a gara per avere il loro film alla Mostra del Cinema… Una scelta che porta evidentemente bene.

Russell, su, ascolta anche tu il richiamo del Lido.


Spideypool Canon

Lo slash la fa davvero da padrone in questa edizione dei Golden Globes. Da Justin Timberlake/Jimmy Fallon (shipname: timballon?) passiamo alla Spideypool canon. Letteralmente.


ll discorso di Meryl Streep

La regina di Hollywood è in tendenza su Twitter da ieri. Un discorso che lascia a bocca aperta e di cui ogni singolo giornale e telegiornale parlerà oggi… per la gioia di Trump. Vi riportiamo la versione completa.


Il tributo a Debby Reynolds e Carrie Fisher

I Golden Globes anticipano il (quest’anno temutissimo) In Memoria degli Oscars con questo breve tributo a Debbie Reynolds e Carrie Fisher. Non sono lacrime, ma tanta tenerezza.


International is better

Un’edizione così internazionale dei Golden Globes si è vista raramente.

Diego Luna che parla in spagnolo…

Donald Glover che ringrazia il gruppo Migos

E persino… Fedez.

Mancava solo Oscar Isaac.


Polemiche (giuste o sbagliate?)

Forti critiche a Casey Affleck (premiato come miglior attore) dopo le accuse ricevute per aver molestato delle colleghe sul lavoro.

Forti critiche a Tom Hiddleston per il suo discorso di ringraziamento a Medici Senza Frontiere (…??????)

…e siamo solo all’inizio.


Attori adorabili…

Emma Stone Being Emma Stone. Non si rendono necessari ulteriori commenti.

Ryan Gosling Being… Ryan Reynolds?


…E personaggi adorabili

Quicksilver e Wanda di nuovo assieme… piangete con noi, popolo.

Per chi non aveva ancora intuito le potenzialità della ship (slash anche questa) Jonathan/Steve da Stranger Things…


Kristen Wiig e Steve Carell, eroi nazionali

Come riescono loro a sollevare gli animi, riescono in pochi. Già si fanno rituali collettivi per averli come presentatori della prossima edizione. Ve li doniamo in conclusione di questo excursus per lasciarvi con un tono lieto e persino non slash. Una rarità, considerando che questi Golden Globes sono probabilmente stati i Golden Globes più arcobaleno della storia.


Potete trovare l’elenco completo dei premi sul sito ufficiale a questo link. Rimaniamo ora in attesa delle nomination agli Oscar, che verranno annunciate il prossimo 24 gennaio.

A tutti, un buon secondo episodio di Sherlock! …No, non c’entra. Ma davvero state pensando ad altro?

Categorie: Eventi

Agnese

Presidente, autrice.

"The only way to be happy is to love. Unless you love, your life will flash by" The Tree of Life, 2011

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Leggi la nostra cookie policy e la nostra informativa sulla privacy e sul trattamento dei dati personali.

Chiudi