Come l’anno scorso, anche questa volta abbiamo scelto di raccontarvi tutte le esperienze VR a cui potrete partecipare alla Mostra del Cinema di Venezia.
Vi abbiamo detto tutto sulle installazioni lineari qui: ora è la volta delle esperienze interattive di Virtual Reality che vi aspettano alla sezione VeniceVR della Mostra del Cinema di Venezia, 2019.

Queste, come suggerisce il termine “interattivo” prevedono che lo “spettatore” (che in questo caso non guarda soltanto) interagisca con l’installazione, scegliendo, creando, decidendo, esplorando…

Sono tutte aperte al pubblico (dal 3 al 7 settembre), previo acquisto di accredito e prenotazione (qui le modalità), quindi, scegliete quelle che vi piacciono di più e lanciatevi nel mondo virtuale: scoprirete che è molto più reale di quanto pensiate.

>>> Clicca qui per scoprire invece le esperienze lineari della VeniceVR 2019.

Stavolta, giacché siamo fan, abbiamo deciso di classificare le installazioni VR non solo per genere (lineare, interattivo, ecc.) ma anche dando un (personalissimo!) consiglio sul tipo di persona per cui queste installazioni sono più adatte. Come? In questo ci sono ovviamente venute in aiuto le Case di Hogwarts, del fandom di Harry Potter, che dal 1997 dividono le persone per carattere e inclinazione.

Eccoti una breve legenda:

fanheart3 Grifondoro

Grifondoro

La Casa dei coraggiosi, degli impavidi, di coloro che hanno un forte senso della moralità e della giustizia. Consiglieremo a questi delle esperienze avventurose, emotivamente forti e moralmente difficili.

fanheart3 Corvonero

Corvonero

Intelligenti, logici e creativi, i Corvonero si troverebbero benissimo con esperienze VR che stimolano l'immaginazione, o che li pongono davanti a misteri, puzzle e indovinelli da risolvere... E sono proprio queste che proponiamo per loro.

fanheart3 Tassorosso

Tassorosso

(No, non li chiameremo mai Tassofrasso, siamo old school, noi!) Tutti vorrebbero un amico Tassorosso. Perché sono leali, gran lavoratori e hanno capito tutto della vita: amicizia, gioco di squadra (e, sospettiamo, cibo) sono le loro parole d'ordine. Per loro sono perfette le esperienze VR che li connettono emotivamente ad altri esseri umani, che commuovono, che fanno breccia nel loro grande cuore.

fanheart3 Serpeverde

Serpeverde

Brillanti ma anche individualisti, i Serpeverde sono noti per la loro brama di potere, e per questo vengono ingiustamente classificati come cattivi. In realtà nella vita è utile essere un po' Serpeverde per non farsi mettere i piedi in testa... Per loro, ecco delle installazioni in cui avranno la possibilità di fare scelte moralmente giuste o discutibili, ed esperienze un po' "oscure" in cui si confronteranno con il potere le conseguenze che comporta...

Attenzione: questo non vuol dire che sei ti senti di appartenere ad una Casa devi fare per forza le esperienze che consigliamo per essa. E’ un modo un po’ diverso per consigliare le esperienze ai vari tipi di persone. E poi ricordiamoci che in definitiva tutti noi abbiamo, in varie percentuali, tutte le Case dentro di noi.

N.B.: noi non abbiamo fatto nessuna di queste esperienze, le proveremo proprio alla Venice VR, quindi per stabilire in che Casa smistarle ci siamo basate unicamente sulle trame e sui (rari) trailer. E’ possibile che la storia pucciosa di una ballerina si riveli molto, molto creepy… ti abbiamo avvisato!

>> Vuoi sapere come accedere a queste meravigliose esperienze interattive? Lo spieghiamo qui, alla fine dell’articolo.

Bene, cominciamo!

VeniceVR 2019 - Installazioni Interattive

A Linha (The Line) - La Linea

Dir. Ricardo Laganaro / Arvore Immersive Experiences
Brazil / HTC Vive / 6 DOF / Stand up / 13’

Il mondo dei giocattoli è da sempre una delle cose più magiche a cui avvicinarsi. Ce l’ha insegnato la nostra infanzia e ce l’ha ricordato Toy Story. Ora ce lo riporta alla mente anche The Line, esperienza interattiva full-body in cui diventiamo un bambino che assiste alla storia d’amore – ma anche alla paura di cambiare e andare oltre i propri limiti – delle due bamboline Pedro e Rosa. Un’esperienza che promette emozioni, commozione e un racconto universale da vivere in prima persona.

fanheart3 - the line
Fonte: https://submarinechannel.com/venice-vr-2019-program-overview/
fanheart3 Tassorosso

Bodyless (Senza Corpo)

Dir. Hsin-Chien Huang / Storynest
Taiwan / HTC Vice / Stand up / 31’

A Taiwan, negli anni 70, vige la legge marziale e gli uomini sono valutati secondo una visione semplicistica delle loro caratteristiche dalla classe dirigente. Oggi il controllo e la sorveglianza totali vengono ottenuti con altri mezzi, più tecnologici, ma il senso di impotenza è il medesimo. Con Bodyless il regista si ispira a questa situazione per trasformare lo spettatore nel fantasma di un criminale politico e accompagnarlo in un terribile viaggio come cavia per un esperimento segreto del governo. 

fannheart3 - bodyless
Fonte: https://submarinechannel.com/venice-vr-2019-program-overview/
fanheart3 Serpeverde

Britannia VR: Out Of Your Mind (Britannia VR: Fuori dalla tua mente)

Dir. Kim-Leigh Pontin / Sky UK
UK / Oculus Rift / Stand up / 20’

La serie televisiva Britannia ha ispirato questa esperienza interattiva. Un mondo popolato da magia e misticismo, druidi e donne guerriere, e da voi, che diventerete parte di una tribù celtica bloccata su una spiaggia due anni dopo l’invasione romana. Un’esperienza che mette lo spettatore a confronto con un mondo psichedelico e in cui le regole di genere sono sconvolte. 

fanheart3 - britannia vr
Fonte: https://submarinechannel.com/venice-vr-2019-program-overview/
fanheart3 Corvonero

Cosmos Within Us (Il Cosmo dentro di noi)

Dir. Martir Tupac / Satore Studio
UK/Luxembourg / HTC Vive Pro / Installation / 45’

Conoscere l’Alzheimer, cercare di combatterlo, affrontarne la sofferenza e i ricordi che porta con sè, ma anche donare un senso di speranza e riconoscimento a quanti lo affrontano ogni giorno. Cosmos within us è un’installazione a metà strada fra un’opera in VR e una performance che ci fa entrare nella mente di Aiken, affetta da questa malattia, alla ricerca delle sue/nostre memorie… e di cancellarne una nascosta nell’oblio, che è in attesa di essere rivissuta.

fanheart3 Tassorosso

Doctor Who: The Edge Of Time (Doctor Who: Il Limitare del Tempo)

Dir. Marcus Moresby / Maze Theory
UK / HTC Vice Pro / Standup / 30’

Un lavoro che per noi fan non ha bisogno di spiegazioni. Un’installazione a metà strada fra il gioco di ruolo e il videogioco che ci trasforma in “companions” del Dottore per un giorno e ci chiede di sopravvivere, fra angeli piangenti e alieni non ben identificati. Il sogno di una vita (per chi non sapesse cos’è Doctor Whox)

fanheart3 Grifondoro
fanheart3 Tassorosso
fanheart3 Serpeverde
fanheart3 Corvonero

Downloaded (Scaricato)

Dir. Ollie Rankin / Pansensory Interactive
Canada / HTC Vice Pro / Stand up / 8’

E se Black Mirror avesse ragione e potessimo affidare la nostra mente a dei computer? Sarebbe davvero così bello? In questa installazione diventiamo una coscienza all’interno di un pc e dobbiamo trovare il modo per ritornare al mondo “reale”. 40 possibili finali a seconda delle nostre scelte ma anche un’installazione VR che cerca di superare l’ “isolamento fruitivo” di cui spesso si accusa questo media, chiudendosi a quanto pare con un momento di discussione fra i partecipanti. 

fanheart3 - downloaded
Fonte: https://submarinechannel.com/venice-vr-2019-program-overview/
fanheart3 Grifondoro
fanheart3 Tassorosso
fanheart3 Serpeverde
fanheart3 Corvonero

Glimpse (Occhiata)

Dir. Benjamin Cleary, Michael O’Connor / Mr. Kite Ltd
UK / HTC Vice / Stand up / 16’

Anche i panda hanno i sentimenti e se l’amore non va come deve, ecco che anche i loro piccoli cuori bianchi e neri si spezzano. Un’installazione che ci trascina nella vita di Herbie (voce di Taron Egerton) da poco lasciatosi con la fidanzata Rice. Herbie cerca di sfogare le proprie memorie attraverso l’arte a cui si dedica per ricostruire la storia di questa relazione così significativa ma così dolorosa. Un viaggio da panda che promette grandi emozioni. 

fanheart3 - Glimpse
Fonte: https://submarinechannel.com/venice-vr-2019-program-overview/
fanheart3 Tassorosso

Inori (Preghiera)

Art by Miwa Komatsu, Dir. HTC Vive Originals / HTC Corporation
Taiwan / HTC Vive / Installation / 17’

Inori, in giapponese preghiera. E preghiere e benedizioni sono ciò a cui diamo vita con questa installazione a metà fra l’opera d’arte e la filosofia, che è un viaggio alla riscoperta del sè e della spiritualità che trasla ciò che c’è dentro di noi nella realtà esterna.

fanheart3 Corvonero

A Life in Flowers (Una Vita in Fiori)

Dir. Armando Kirwin / RYOT
USA/Japan/Canada / Oculus Rift / Installation / 20’

Quando l’arte e l’esperienza si intersecano ed è la voce del partecipante a creare a modellare ciò che vediamo intorno a noi. Già con Make Noise (diretto da May Abdalla, Venezia75) avevamo potuto sperimentare ciò che con le nostre corde vocali possiamo ricreare in VR. Qui l’operazione è simile ma ad essere generata, in armonia con la propria vita e le proprie esperienze che si condividono nel corso dell’installazione con l’artista Azuma Makoto, ricreato con una tecnologia di intelligenza artificiale, è un bouquet di fiori che riflette la nostra esistenza. 

fanheart3 - a life in flowers
fanheart3 Tassorosso

Loveseat (Amorino /Divano per due)

Dir. Kiira Benzing, script: Mac Rogers / Double Eye Studios
USA / Installation / 60’

Avete mai sognato di essere in un reality show? … O li odiate? Qualunque sia la vostra risposta, qui non avete scelta, perchè vi state proponendo per uno e si tratta di un reality show per vincere l’amore del Partner Perfetto. Un’installazione che sfruttando la tecnologia della virtual reality e creazioni in augmented reality è storia e interazione al tempo stesso e mixa la realtà con la finzione per dare vita ad una narrazione collettiva. Da esplorare. 

fanheart3 - loveseat
Fonte: https://submarinechannel.com/venice-vr-2019-program-overview/
fanheart3 Serpeverde

Pagan Peak VR (Picco Pagano VR)

Dir. Ioulia Isserlis, Max Sacker / AnotherWorld VR
Germany / 45’

Se non avete provato Kobold al VeniceVR nel 2018 non avete idea di quanta paura possa generare un’installazione in VR. Pagan Peak è degli stessi autori: un thriller psicologico che ci trascina nei meandri della mente umana e in un luogo in cui l’horror inevitabilmente sembra prendere realtà: una casetta nei boschi in un inverno innevato, nella quale vi ritrovate come profiler criminale. Per riuscire a scappare dalle grinfie del serial killer dovete risolvere una serie di enigmi che vi condurranno sempre più in un viaggio nella sua mente malata e distorta. Una storia inquietante e piena di colpi di scena a cui non sarà facile sopravvivere (probabilmente letteralmente). 

fanheart3 Grifondoro
fanheart3 Tassorosso
fanheart3 Serpeverde
fanheart3 Corvonero

Porton Down

Dir. Callum Cooper
Australia / HTC Vive Pro / Installation / 15 minutes’

Terzo lavoro in VR sugli esperimenti governativi. In questo caso si parla degli effetti dell’arte sulla mente umana. Un’esperienza che appoggia le fondamenta sulla realtà e in particolare sulla figura di Don Webb, aviatore, coinvolto in un piano inglese segreto nel corso della Guerra Fredda (x). Qui siamo noi i soggetti di questi esperimenti, in un viaggio allucinogeno che è quasi un esperimento che riflette su se stesso. 

fanehart3 - porton down
fanheart3 Serpeverde
fanheart3 Grifondoro

The Key (La Chiave)

Dir. Celine Tricart / Lucid Dreams Productions, LLC
USA / Oculus Rift or Quest / Installation / 20′

Un viaggio virtuale e interattivo in cui i partecipanti saranno condotti in ambienti diversi nell’esplorazione di sogni e ricordi. Fra decisioni difficili e l’esperienza della perdita, sarà loro possibile svelare la verità ed arrivare salvi alla fine del racconto. 

fanheart3 Grifondoro

These Sleepless Nights

Dir. Gabo Arora
USA/Canada / Magic Leap / Installation / 20’

Gabo Arora, regista di These Sleepless Nights, è stato con Chris Milk creatore di Clouds over Sidra, famosissima installazione VR presentata nel 2015 al World Economic Forum per far comprendere la drammatica situazione dei rifugiati siriani a quanti avevano l’effettiva capacità di prendere decisioni in merito (x). Di Arora avevamo già visto a Venezia74 The Last Goodbye, commuovente contributo a chi ha perso la famiglia nei campi di concentramento. Non sappiamo molto su These Sleepless Nights, ma conoscendo queste premesse non dubitiamo sarà un lavoro dal forte impatto sociale e dalle ambizioni empatiche molto pregnanti. 

fanheart3 - these sleepless nights
Fonte: https://submarinechannel.com/venice-vr-2019-program-overview/
fanheart3 Grifondoro

Esperienze Interattive nella categoria "Best Of VR – Out of Competition"

A Fisherman’s Tale (Storia di un Pescatore)

Dir. Balthazar Auxietre / Innerspace
Italy / HTC Vive + Rift S / Stand up / 30′

Vi piacciono le escape room? O gli indovinelli?
Allora non perdetevi questa esperienza in cui impersonate Bob, un piccolo pescatore-marionetta. Vivi da solo nella tua piccola casetta, e non sai nulla del mondo là fuori.
Finché un giorno la tua radio annuncia un’allerta tempesta.
Il tuo compito è di correre alla sommità del faro e accenderlo.
Ma appena lasci la tua casetta, con i tuoi aiutanti, realizzi che il mondo lì fuori non è assolutamente come ti aspettavi…

fanheart3 Corvonero

Bonfire (Falò)

Dir. Eric Darnell / Baobab
USA / HTC Vive Pro / Stand up / 20′

La razza umana ha danneggiato in modo irrimediabile il pianeta Terra (suona famigliare?). Tu, come Space Scout 817 sei in missione per scoprire una nuova casa per l’umanità.
Ma qualcosa va storto.
Ti schianti in una misteriosa radura in un pianeta sconosciuto a 300 anni luce dalla Terra. La tua unica fonte di luce è il fuoco che riesci temporaneamente ad accendere. Oltre a questo, tutto è oscurità.
Hai solo il tuo istinto e il robot Debbie a farti da guida.
E cosa sono quei rumori che provengono dalla giungla…?
Le scelte che dovrai fare non saranno facili: seguirai la tua coscienza o il tuo capitano?

Eleven Eleven (Undici Undici)

Dir. Mehrad Noori, Michael Salmon, Lucas Taylor / NBC Universal
USA / Oculus Rift S / Stand up / 20′

Tra 11 minuti e 11 secondi la vista sulla isola-pianeta di Kairos Linea verrà annientata.
L’unica speranza è una nave trasporto che partirà appena prima che il countdown arriverà allo zero, portando chi vi salirà alla salvezza.
Segui le vicende di sei personaggi in questi ultimi minuti di vita del pianeta: riusciranno ad arrivare alla nave e a salvarsi?

Le Cri VR (The Scream) - L'Urlo

Dir. Sandra Paugam, Charles Ayats / Cinétévé
France / HTC Vive Pro + leap motion / Stand up / 15′

Chi non conosce la famosa opera di Munch, L’Urlo?
Se ti trovassi faccia a faccia col dipinto, solo, in un museo vuoto, avresti il coraggio di toccarlo?
Stai attento: demoni e fantasmi salteranno fuori dalla tela e ti trascineranno nella mente tormentata dell’artista…

Trailer qui.

fanheart3 - le cri
Fonte: http://cineteve.com/films/le-cri/

The Collider (L'Anello di Collisione)

Dir. Amy Rose, May Abdalla / Anagram
UK / HTC Vive Pro + leap motion / Installation

Cos’è che tiene unite due persone e cosa le divide?
Questa esperienza è per due persone: si entra separatamente e si è invitati a ricostruire il ricordo di un sentimento potente o depotenziante usando miniature, props e carta.
Poi il viaggio dei due partecipanti converge: uno dei due entra in un mondo virtuale che rivela la visione della macchina Collider, mentre l’altra può manipolare le visioni e le azioni dentro a quel mondo virtuale.
Alla fine i due si incontrano e devono scoprire insieme quello che è successo.
In questo modo si ricrea la situazione in cui due esseri umani tipicamente falliscono nel capire cosa stia facendo l’altro, ma appena finalmente si riconnettono…

Tonandi

Dir. AA. VV. / Sigur Rós & Magic Leap
USA/Iceland / Magic Leap / 30′

Musica e “mixed reality”: un connubio che Sigur Rós e Magic Leap hanno esplorato e sui cui hanno lavorato per cinque anni, e che ha avuto come risultato Tónandi: un’occhiata al futuro della musica.
In un ambiente in cui i suoni spaziali sono visibili tutto intorno a te e rispondono a ogni tuo comando, puoi suonare e cambiare la musica usando le tue mani.

Travelling while black (Viaggiare da Neri)

Dir. Roger Ross Williams, Felix Lajeunesse, Paul Raphaël, Ayesha Nadarajah / Felix and Paul
USA/Canada / Oculus Go / Stand up / 20′

Avete visto il film Green Book con Viggo Mortensen? No? Male. Ma qui potete recuperare (in parte) la mancata visione, con un corto VR ispirato al film (senza spoiler).
Travelling While Black vi immergerà nel lungo movimento di apartheid dei neri americani e nella creazione di spazi sicuri nelle comunità.
Tramite questa esperienza, che ci farà sentire sulla pelle come venivano trattate le persone di colore allora (e purtroppo in alcuni casi ancora oggi) questa installazione vuole farci non solo ricordare il passato ma anche imparare da esso, e facilitare il dialogo con le minoranze.

Wolves in the Walls: It’s All Over (Lupi nei Muri: E' tutto finito)

Dir. Pete Billington / Fable
USA / Oculus Rift / Stand up / 20′

Probabilmente una delle installazioni più attese della Venice VR.
Basato sull’opera di Neil Gaiman e Dave McKean, in Lupi nei Muri dovrai aiutare Lucy, una bambina di 8 anni, a scoprire cosa si nasconde dentro i muri della sua casa e andare all’avventura dentro un film di virtual reality.

Esperienze Interattive nella categoria "Biennale College Cinema VR – Out of Competition"

Feather (Piuma)

Dir. Keisuke Itoh
Japan / THC Vive / Stand up / 12′

La delicata storia di una ragazza che vuole diventare una ballerina di danza classica.
Dal punto di vista degli orgogliosi genitori, lo spettatore può darle una piuma, un simbolo di crescita, indipendenza e salto. Il regalo della piuma sarà centrale nella vita della ragazza, che vedremo svilupparsi da bambina piccola ad adulta.

Sublimation (Sublimazione)

INVR.Space
Dir. Karolina Markiewicz, Pascal Piron
Germany / Installation / 15’

Shall we dance?
Sublimation è un’esperienza interattiva dove danza e creazione si fondono indissolubilmente. Imparate dei semplici e lenti movimenti di una danza contemporanea Giapponese, il butoh, mentre vi immergete in un ambiente unico: sotto la guida di una voce, potrete creare forme e colori a piacere, collegate a composizioni musicali, rendendo davvero unica l’esperienza di ciascuno spettatore.

fanheart3 Corvonero

Bellissimo! E ora come faccio a prenotarmi queste esperienze?

E’ molto semplice:

  1. devi accreditarti
    Clicca qui e scegli “Accrediti VR”
    Puoi scegliere tra la formula “full”, che vale tutti i 5 giorni, dal 3 al 7 settembre, al costo totale di € 60, oppure scegliere di accreditarti solo per uno di questi 5 giorni, pagando € 20.
  2. Una volta conclusa la procedura di accredito, e pagato, ti arriverà una mail dalla Biennale con il tuo numero di accredito. Con questo potrai prenotare online le esperienze che ti interessano.
    Le prenotazioni solitamente aprono attorno al 10-15 di agosto
    Raccomandiamo di prenotarsi il prima possibile, perché le installazioni si riempiono presto, soprattutto quelle più attese.
La Venice VR si trova sull’isola del Lazzaretto Vecchio, al Lido di Venezia.
Per prima cosa dovrete andare al 
Palazzo del Casinò per ritirare il vostro accredito. Poi proseguite (mappa qui) per l’imbarcadero per il Lazzaretto Vecchio (una bellissima nave vi farà attraversare, gratuitamente, la traversata dura meno di 3 minuti).
Assicuratevi di arrivare al Traghetto almeno 20 minuti prima della prima installazione che avete scelto e presentatevi sempre in anticipo a tutte le esperienze. Se arrivate in ritardo potrebbero aver già dato il vostro posto a qualcuno in lista d’attesa.


Tutto chiaro?
Ci vediamo a Venezia!

– Articolo di Elena S. e Agnese P. (because 2 is megl che 1)


Elena

Vicepresidente, webmaster, addetta marketing, organizzazione eventi. "Do not go gentle into that good night, Old age should burn and rave at close of day; Rage, rage against the dying of the light." - Dylan Thomas